home | centro di documentazione sulla cooperazione e l'economia sociale
via Mentana 2
40126 Bologna
Tel. 051.231313
Fax. 051.6561934
scrivici una mail
mail 
IL CENTRO PROGETTI RISORSE NEWS EDITORIA UNIVERSITA' LINK MAPPA

Home > Storia > Storie di vita > M - Z > Ambrogio Portaluppi

«

pagina precedente

 Ambrogio Portaluppi

(Boffalora sopra Ticino (MI) 1863 - Milano 1923)  Iniziò gli studi di sacerdote a Milano per completarli a Roma, all'Università gregoriana. A Milano conseguì la laurea in filosofia e teologia e, intrapresa l'attività di pastore, venne inviato nel 1891 a Treviglio, in qualità prima di canonico e, dal 1913, di parroco. Il contatto diretto con la realtà economica e sociale del piccolo centro rurale del bergamasco confermò nel Portaluppi l'originaria convinzione di un forte impegno sociale a favore delle popolazioni meno abbienti delle campagne, maturata sin dagli anni del suo apprendimento spirituale e intellettuale. Chiarì questa impostazione partecipando al dibattito avviato all'interno dell'Opera dei congressi, della quale fu esponente di rilievo, e conducendo un'attenta analisi economica. Era suo convincimento che l'impulso alla creazione di istituti a favore dei ceti rurali, in grado di promuovere l'associazionismo e diffondere la piccola proprietà, rientrasse a pieno titolo tra i compiti di un pastore. 
 
Tra le realizzazioni alle quali Portaluppi  partecipò attivamente, un posto di rilievo va assegnato alla realizzazione della cassa rurale di Treviglio, fondata nel 1893, alla costituzione, due anni più tardi, del Comitato lombardo promotore delle casse rurali, di cui assunse la presidenza, e, soprattutto, alla creazione nel 1901 della prima affittanza collettiva a conduzione divisa in una piccola frazione di Treviglio, Castel Cerreto, alla quale altre dovevano seguire successivamente. Contemporaneamente Portaluppi sviluppò un'analoga attenzione verso il mondo operaio: dopo aver assunto la presidenza dell'Unione diocesana  fra le associazioni operaie e agricole, creò a Treviglio nel 1899 l'Unione operaia, considerata un'alternativa "cristiana" alle Camere del lavoro promosse dai socialisti, e la Società edificatrice delle case operaie. Anche in riconoscimento all'opera di grande impulso cooperativo e sociale, nel primo dopoguerra Portaluppi fu nominato protonotario apostolico e vicario generale della diocesi di Milano, dove si spense, nel dicembre 1923, all'età di 60 anni.
 
Per approfondire:
A. Robbiati, Portaluppi Ambrogio, in  in F. Traniello - G. Campanini (a cura di), Dizionario storico del movimento cattolico in Italia, 1860-1980, Marietti, Casale Monferrato.
L. Trezzi, Portaluppi Ambrogio, in L. Trezzi - M. Gallo (a cura di), Protagonisti e figure..., cit.


pagina per la stampa

HOMEPAGE IL CENTRO