home | centro di documentazione sulla cooperazione e l'economia sociale
via Mentana 2
40126 Bologna
Tel. 051.231313
Fax. 051.6561934
scrivici una mail
mail 
IL CENTRO PROGETTI RISORSE EDITORIA UNIVERSITA' LINK MAPPA
 
 
7 giugno 2017
Cresce l’impegno dell’Italia per attuare l’Agenda 2030
L’ASviS conclude il primo Festival dello Sviluppo Sostenibile e consegna alle istituzioni il frutto degli oltre 220 incontri organizzati in 17 giorni.



Si è concluso oggi, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il primo Festival dello Sviluppo Sostenibile, organizzato dall’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS).
Il Portavoce dell’ASviS, Enrico Giovannini: “Grazie al Festival decine di migliaia di persone in tutta Italia hanno scoperto il paradigma dello sviluppo sostenibile. Il mondo delle imprese e della finanza, la pubblica amministrazione, la scuola e le università hanno assunto impegni concreti per attuare l’Agenda 2030. Ora il Governo deve urgentemente approvare la Strategia italiana per lo sviluppo sostenibile e la politica, anche in vista delle prossime elezioni, deve mettere al centro dell’attenzione questi temi per dare un futuro equo e sostenibile all’Italia”.
Nel corso dell’evento, che si è svolto nell’Aula dei Gruppi della Camera dei Deputati, sono stati presentati alle istituzioni i principali messaggi emersi durante i 220 eventi organizzati in tutta Italia nel corso dei 17 giorni del Festival, tanti quanti sono gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile sottoscritti dall’Italia nel settembre del 2015 all’Assemblea Generale dell’ONU. 
“L’agenda politica internazionale delle ultime settimane, dal G7 alla posizione di Trump sul clima – sottolinea Pierluigi Stefanini, Presidente dell’ASviS – ha mostrato come le politiche per lo sviluppo sostenibile non riguardino solo la dimensione ambientale, ma anche quella economica e sociale. E l’Italia può e deve essere tra i paesi leader in questo campo, ma deve mettere questi temi al centro del dibattito culturale e politico”. 
Durante il Festival, rilevanti aree della società italiana, dalle scuole alle università, dal mondo delle imprese e della finanza a quello della pubblica amministrazione, hanno assunto impegni concreti per cambiare l’attuale paradigma di sviluppo e i propri comportamenti. In questo senso vanno: la dichiarazione congiunta firmata da sei delle più importanti confederazioni imprenditoriali nazionali (Alleanza Cooperative Italiane, Confederazione Italiana Agricoltori, Confcommercio, Confindustria, CNA e Federazione Banche, Assicurazioni e Finanza), nella quale sono stati presi impegni precisi per far crescere la cultura dello sviluppo sostenibile in tutti i settori di attività economica”.
Il Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni Silveri,  il Direttore generale della Banca d’Italia Salvatore Rossi, il presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini, del Consiglio Nazionale dell’ANCI Enzo Bianco e della Conferenza dei Rettori Gaetano Manfredi sono intervenuti per commentare i risultati del Festival e indicare la direzione da intraprendere per portare l’Italia su un sentiero di sviluppo sostenibile.
Il primo Festival italiano dello sviluppo sostenibile, attraverso convegni, presentazioni di libri, spettacoli, laboratori, flashmob, attività sportive e molto altro ancora, ha coinvolto decine di migliaia di persone di tutte le età nelle diverse aree del Paese. Nel corso del Festival sono stati 2.300 i relatori che hanno animato gli eventi, tra cui otto Ministri (Alfano, Calenda, De Vincenti, Fedeli, Franceschini, Galletti, Martina, Poletti).

- Programma (338 KB)
- Le imprese italiane insieme per gli obiettivi di sviluppo sostenibile (327 KB)
- L'Agenda per lo sviluppo urbano sostenibile (2338 KB)
- Proposte per un manifesto di sostenibilità consumeristica (452 KB)
- Intervento del Presidente Pierluigi Stefanini (293 KB)
- Presentazione del Portavoce Enrico Giovannini (1151 KB)
 
BACK TO NEWS
IL CENTRO HOMEPAGE